an online Instagram web viewer

#lasolitudinedeinumeriprimi medias

Photos

Zingara nell’anima..
Radici salde nel cuore #lasolitudinedeinumeriprimi
"Anche questa volta non sarebbe arrivato nessuno. Ma lei non stava più aspettando.
Sorrise verso il cielo terso. Con un po' di fatica, sapeva alzarsi da sola." ☄
.
.
.
.
.
#lasolitudinedeinumeriprimi #paologiordano #sky #skyline #landscape #sea #ognina #lungomare #me #outfit #armani #armanijeans #armanibag #elegance #blackhair #picoftheday #fotodelgiorno #photography #instanpic #instagram
Un robot in grado di aiutare le persone a combattere la solitudine.

Un robot dalla sembianze di un gatto che incoraggia gli utenti a chiamare e mandare messaggi alle altre persone.

Fribo è stato testato per più di un mese da quattro gruppi di giovani... ------- 🔗 Link in Bio @Nextobit 🔗 -------
Un robot in grado di aiutare le persone a combattere la solitudine. Un robot dalla sembianze di un gatto che incoraggia gli utenti a chiamare e mandare messaggi alle altre persone. Fribo è stato testato per più di un mese da quattro gruppi di giovani... ------- 🔗 Link in Bio @Nextobit 🔗 -------
“Vivere lontano da casa non è per tutti, devi avere un cuore grande, grande a sufficienza per far da valigia a tutto ciò che lasci: le gioie e i dolori, gli amici e la famiglia. 
Questo bagaglio cardiaco che batte anche quando tocchi un suolo che non ti appartiene o quando sei steso su un materasso che non ha la tua forma e un cuscino scomodo, guardi il soffitto chiedendoti dove stai andando. Amici che non sono tuoi, una città che non è la tua, devi avere un cuore grande, così grande da far spazio a cose nuove. Un cuore che a volte temo che gli altri si siano dimenticati perché il presente ha preso il sopravvento nelle loro vite, un cuore grande ma forse non troppo forte. Allora è lì che si ferma un attimo,va in arresto, ti confonde e non sa più chi sei. Così ti stendi sul materasso, che ora ha subito un po’ il tuo peso e il cuscino più molle da una parte. E ti chiedi chi stai diventando più che dove stai andando, perché quando parti, più che muoverti verso una destinazione, vai verso un destino, il tuo.”#cielosudime#pensieri#lasolitudinedeinumeriprimi#valentina#cuoregrande
“Vivere lontano da casa non è per tutti, devi avere un cuore grande, grande a sufficienza per far da valigia a tutto ciò che lasci: le gioie e i dolori, gli amici e la famiglia. Questo bagaglio cardiaco che batte anche quando tocchi un suolo che non ti appartiene o quando sei steso su un materasso che non ha la tua forma e un cuscino scomodo, guardi il soffitto chiedendoti dove stai andando. Amici che non sono tuoi, una città che non è la tua, devi avere un cuore grande, così grande da far spazio a cose nuove. Un cuore che a volte temo che gli altri si siano dimenticati perché il presente ha preso il sopravvento nelle loro vite, un cuore grande ma forse non troppo forte. Allora è lì che si ferma un attimo,va in arresto, ti confonde e non sa più chi sei. Così ti stendi sul materasso, che ora ha subito un po’ il tuo peso e il cuscino più molle da una parte. E ti chiedi chi stai diventando più che dove stai andando, perché quando parti, più che muoverti verso una destinazione, vai verso un destino, il tuo.”#cielosudime #pensieri #lasolitudinedeinumeriprimi #valentina #cuoregrande 
¡Hola almas lectoras! "La soledad de los números primos" es uno de mis libros preferidos ¿Alguien lo ha leído? Espero que tengan un buen día.

#frasesdelibros #elalmadeloslibros #booklover #bookstagrammexico #bookstagramitalia #bookporn #italianbook #lasoledaddelosnumerosprimos #paologiordano #lasolitudinedeinumeriprimi #leer #read #leggere
‘I numeri primi sono divisibili soltanto per uno e per se stessi. [...] In un corso del primo anno Mattia aveva studiato che tra i numeri primi ce ne sono alcuni ancora più speciali. I matematici li chiamano numeri gemelli: sono coppie di numeri primi che se ne stanno vicini, anzi quasi vicini, perché fra di loro vi è sempre un numero pari che gli impedisce di toccarsi per davvero. [...] Mattia pensava che lui e Alice erano così, due primi gemelli, soli e perduti, vicini ma non abbastanza per sfiorarsi davvero.’
Mattia e Alice sono soli per la loro diversità, ma è proprio questa diversità che li rende ciò che sono, li rende speciali. Sono numeri primi gemelli.
Paolo Giordano, anche se in maniera molto velata, insegna che anche se si è diversi non bisogna considerarsi inadatti, ma all’altezza di tutti gli altri. Anzi, proprio la diversità rende superiori agli altri, a quelli che seguono la massa e diventano una goccia nell’oceano. 
Questo libro cura la solitudine proprio perché fa vedere quello che la solitudine comporta, quello che causa nella vita di una persona. Mostra ciò che si deve fare tramite quello che non bisogna fare. 
Riflessivo. Profondamente e magnificamente riflessivo.
___________________________

#thebooktherapy#solitudine#lasolitudinedeinumeriprimi#paologiordano#mondadori#libri#librisulibri#libribelli#librichepassione#sbornieletterarie#lettrice#leggere#lettura#book#bookstagram#booklover#bookaddict#lovebooks#reader#read#loveread#amore#love#instalove#instabook#beautiful#instapic#picoftheday#bookoftheday
‘I numeri primi sono divisibili soltanto per uno e per se stessi. [...] In un corso del primo anno Mattia aveva studiato che tra i numeri primi ce ne sono alcuni ancora più speciali. I matematici li chiamano numeri gemelli: sono coppie di numeri primi che se ne stanno vicini, anzi quasi vicini, perché fra di loro vi è sempre un numero pari che gli impedisce di toccarsi per davvero. [...] Mattia pensava che lui e Alice erano così, due primi gemelli, soli e perduti, vicini ma non abbastanza per sfiorarsi davvero.’ Mattia e Alice sono soli per la loro diversità, ma è proprio questa diversità che li rende ciò che sono, li rende speciali. Sono numeri primi gemelli. Paolo Giordano, anche se in maniera molto velata, insegna che anche se si è diversi non bisogna considerarsi inadatti, ma all’altezza di tutti gli altri. Anzi, proprio la diversità rende superiori agli altri, a quelli che seguono la massa e diventano una goccia nell’oceano. Questo libro cura la solitudine proprio perché fa vedere quello che la solitudine comporta, quello che causa nella vita di una persona. Mostra ciò che si deve fare tramite quello che non bisogna fare. Riflessivo. Profondamente e magnificamente riflessivo. ___________________________ #thebooktherapy #solitudine #lasolitudinedeinumeriprimi #paologiordano #mondadori #libri #librisulibri #libribelli #librichepassione #sbornieletterarie #lettrice #leggere #lettura #book #bookstagram #booklover #bookaddict #lovebooks #reader #read #loveread #amore #love #instalove #instabook #beautiful #instapic #picoftheday #bookoftheday 
Sorrise verso il cielo terso.
Anche stavolta non sarebbe arrivato nessuno.
Con un po' di fortuna, sapeva rialzarsi da sola.
Sorrise verso il cielo terso. Anche stavolta non sarebbe arrivato nessuno. Con un po' di fortuna, sapeva rialzarsi da sola.
Perchè in fondo l'unione perfetta resta quella tra due elementi che seppur diversi in forma e sostanza, sono in grado di dar vita a qualcosa che ha a che fare con stupore, meraviglia...amore! -Tisana al melograno su tazza-
#unioneperfetta #tisana #tisanatime #picture #picoftheday #riflessioni #paesaggi #cityonthecup #lasolitudinedeinumeriprimi #writer #pensieri #instalikes #instamoments #lifestyle #convinzioni #ehniente
I numeri primi sono divisibili soltanto per 1 e per se stessi. Se ne stanno al loro posto nell'infinita serie dei numeri naturali, schiacciati come tutti fra due, ma un passo in là rispetto agli altri. Sono numeri sospettosi e solitari.

Bella come una rosa a maggio. 🌹
#lasolitudinedeinumeriprimi #rosa #maggio #flower #spring #primavera #photography #photonature #photooftheday #naturelovers
I numeri primi sono divisibili soltanto per 1 e per se stessi. Se ne stanno al loro posto nell’infinita serie dei numeri naturali, schiacciati come tutti fra due, ma un passo in là rispetto agli altri. Sono numeri sospettosi e solitari e per questo Mattia li trovava meravigliosi.
Lei e Mattia erano uniti da un filo elastico e invisibile, sepolto sotto un mucchio di cose di poca importanza, un filo che poteva esistere soltanto fra due come loro: due che avevano riconosciuto la propria solitudine l’uno nell’altra.

#lasolitudinedeinumeriprimi #italianmovie #movie #cinema #passion #beautiful #instamovie #instalike #instagood #scenes #story  #alice #mattia
I numeri primi sono divisibili soltanto per 1 e per se stessi. Se ne stanno al loro posto nell’infinita serie dei numeri naturali, schiacciati come tutti fra due, ma un passo in là rispetto agli altri. Sono numeri sospettosi e solitari e per questo Mattia li trovava meravigliosi. Lei e Mattia erano uniti da un filo elastico e invisibile, sepolto sotto un mucchio di cose di poca importanza, un filo che poteva esistere soltanto fra due come loro: due che avevano riconosciuto la propria solitudine l’uno nell’altra. #lasolitudinedeinumeriprimi  #italianmovie  #movie  #cinema  #passion  #beautiful  #instamovie  #instalike  #instagood  #scenes  #story  #alice  #mattia 
"Li vidi bagnarsi in piscina"... Sta per arrivare #inlibreria una nuova, bellissima storia scritta da Paolo Giordano. 
#DivorareIlCielo 
#8maggio 
Siateci!
#mondadoristore #paologiordano #lasolitudinedeinumeriprimi 10 anni dopo #einaudi
Quali sono secondo voi i libri di successo più sopravvalutati? Stiamo facendo questo simpatico sondaggio all'interno del gruppo di lettura, chiedendo i titoli di cinque romanzi che hanno avuto un gran riscontro di vendita e critica non proporzionale alla loro qualità narrativa. Se avete voglia diteci i vostri. Quelli in foto sono alcuni dei più votati finora.
Grazie e buon pomeriggio.
Quali sono secondo voi i libri di successo più sopravvalutati? Stiamo facendo questo simpatico sondaggio all'interno del gruppo di lettura, chiedendo i titoli di cinque romanzi che hanno avuto un gran riscontro di vendita e critica non proporzionale alla loro qualità narrativa. Se avete voglia diteci i vostri. Quelli in foto sono alcuni dei più votati finora. Grazie e buon pomeriggio.
Cominciando a leggere “Divorare il cielo” di Paolo Giordano. #divorareilcielo #paologiordano #einaudieditore #mollybloomscuoladiscrittura @mollybloom_scuoladiscrittura #lasolitudinedeinumeriprimi #ilcorpoumano #ilneroelargento #puglia
Prova a farmi sanguinare senza che mi buchi

provami a scottare, si ma senza che mi bruci

Prova a farmi innamorare senza trucchi

rendimi felice quando spegono ste luci.
#ultimigiorni
#guepequeno #pensierinotturni #music #polpetta #woman #girl #hot #black #curvy #curvyitalia #italiangirl #like4follow #like4like #likefortags #life #mylife #lasolitudinedeinumeriprimi #ktm #brunette #ola
Era stanca, di quella stanchezza che sa dare solo il vuoto. Si sentiva come se non avesse un passato, come se si fosse trovata in quel luogo senza sapere da dove veniva. Era stanca, di quella stanchezza che sa dare solo il vuoto. *** I numeri primi sono divisibili soltanto per 1 e per sè stessi. Se ne stanno al loro posto nell’infinita serie dei numeri naturali, schiacciati come tutti fra due, ma un passo in là rispetto agli altri. Sono numeri sospettosi e solitari e per questo Mattia li trovava meravigliosi. Certe volte pensava che in quella sequenza ci fossero finiti per sbaglio, che vi fossero rimasti intrappolati come perline infilate in una collana. Altre volte, invece, sospettava che anche a loro sarebbe piaciuto essere come tutti, solo dei numeri qualunque, ma che per qualche motivo non ne fossero capaci.In un corso del primo anno Mattia aveva studiato che tra i numeri primi ce ne sono alcuni ancora più speciali. I matematici li chiamano primi gemelli: sono coppie di numeri primi che se ne stanno vicini,anzi,quasi vicini, perchè fra di loro vi è sempre un numero pari che gli impedisce di toccarsi per davvero. Numeri come l’11 e il 13, come il 17 e il 19, il 41 e il 43. Se si ha la pazienza di andare avanti a contare, si scopre che queste coppie via via si diradano. ci si imbatte in numeri primi sempre più isolati, smarriti in quello spazio silenzioso e cadenzato fatto solo di cifre e si avverte il presentimento angosciante che le coppie incontrate fino a lì fossero un fatto accidentale, che il vero destino sia quello di rimanere soli.Poi, proprio quando ci si sta per arrendere, quando non si ha più voglia di contare, ecco che ci si imbatte in altri due gemelli, avvinghiati stretti l’uno all’altro. Tra i matematici è convinzione comune che per quanto si possa andare avanti, ve ne saranno sempre altri due, anche se nessuno può dire dove, finchè non li si scopre.
Mattia pensava che lui e Alice erano così, due primi gemelli, soli e perduti, vicini ma non abbastanza per sfiorarsi davvero. A lei non l’avava mai detto.

La solitudine dei numeri primi – Paolo Giordano

#paologiordano #lasolitudinedeinumeriprimi
#giornistanchi
#pantarei
Era stanca, di quella stanchezza che sa dare solo il vuoto. Si sentiva come se non avesse un passato, come se si fosse trovata in quel luogo senza sapere da dove veniva. Era stanca, di quella stanchezza che sa dare solo il vuoto. *** I numeri primi sono divisibili soltanto per 1 e per sè stessi. Se ne stanno al loro posto nell’infinita serie dei numeri naturali, schiacciati come tutti fra due, ma un passo in là rispetto agli altri. Sono numeri sospettosi e solitari e per questo Mattia li trovava meravigliosi. Certe volte pensava che in quella sequenza ci fossero finiti per sbaglio, che vi fossero rimasti intrappolati come perline infilate in una collana. Altre volte, invece, sospettava che anche a loro sarebbe piaciuto essere come tutti, solo dei numeri qualunque, ma che per qualche motivo non ne fossero capaci.In un corso del primo anno Mattia aveva studiato che tra i numeri primi ce ne sono alcuni ancora più speciali. I matematici li chiamano primi gemelli: sono coppie di numeri primi che se ne stanno vicini,anzi,quasi vicini, perchè fra di loro vi è sempre un numero pari che gli impedisce di toccarsi per davvero. Numeri come l’11 e il 13, come il 17 e il 19, il 41 e il 43. Se si ha la pazienza di andare avanti a contare, si scopre che queste coppie via via si diradano. ci si imbatte in numeri primi sempre più isolati, smarriti in quello spazio silenzioso e cadenzato fatto solo di cifre e si avverte il presentimento angosciante che le coppie incontrate fino a lì fossero un fatto accidentale, che il vero destino sia quello di rimanere soli.Poi, proprio quando ci si sta per arrendere, quando non si ha più voglia di contare, ecco che ci si imbatte in altri due gemelli, avvinghiati stretti l’uno all’altro. Tra i matematici è convinzione comune che per quanto si possa andare avanti, ve ne saranno sempre altri due, anche se nessuno può dire dove, finchè non li si scopre. Mattia pensava che lui e Alice erano così, due primi gemelli, soli e perduti, vicini ma non abbastanza per sfiorarsi davvero. A lei non l’avava mai detto. La solitudine dei numeri primi – Paolo Giordano #paologiordano  #lasolitudinedeinumeriprimi  #giornistanchi  #pantarei 
«Vivevano la lenta e invisibile compenetrazione dei loro universi, come due astri che gravitano intorno a un asse comune, in orbite sempre più strette, il cui destino chiaro è quello di coalescere in qualche punto dello spazio e del tempo.» 🌿 🌿 🌿
Paolo Giordano “La solitudine dei numeri primi”, Mondadori, Premio Strega 2008
.
#stregaoff #premiostrega
«Vivevano la lenta e invisibile compenetrazione dei loro universi, come due astri che gravitano intorno a un asse comune, in orbite sempre più strette, il cui destino chiaro è quello di coalescere in qualche punto dello spazio e del tempo.» 🌿 🌿 🌿 Paolo Giordano “La solitudine dei numeri primi”, Mondadori, Premio Strega 2008 . #stregaoff  #premiostrega 
Correre ha un che di magico.. ti porta ad entrare in contatto con la parti di te stesso che pensavi di non avere, le tue scarpe, la tua musica, la preparazione alla gara, non esiste luogo più meraviglioso per me... .
#sunday #happy #natura #gioia #running #trailrun #magia #mondoparallelo #civuolecuore #lavitaèbella #runners #crederenegliangeli #buonadomenica #crediintestesso #vicinoalmare #vivi #vicinoadio #liberta #lospazioinfinito #lasolitudinedeinumeriprimi #runforfun #vincosempreio #sonosolocosebelle #sonosolomamaidasolo #inspiration
Correre ha un che di magico.. ti porta ad entrare in contatto con la parti di te stesso che pensavi di non avere, le tue scarpe, la tua musica, la preparazione alla gara, non esiste luogo più meraviglioso per me... . #sunday  #happy  #natura  #gioia  #running  #trailrun  #magia  #mondoparallelo  #civuolecuore  #lavitaèbella  #runners  #crederenegliangeli  #buonadomenica  #crediintestesso  #vicinoalmare  #vivi  #vicinoadio  #liberta  #lospazioinfinito  #lasolitudinedeinumeriprimi  #runforfun  #vincosempreio  #sonosolocosebelle  #sonosolomamaidasolo  #inspiration 
Una lunga storia d'amore:
My bed and me ❤
(Vorrei alzarmi tra tre giorniii😐)
#me #myself #goodnight #stanchezza #giornateinterminabili #mybed #lasolitudinedeinumeriprimi #lasciatemiqui #picoftheday #picture #instamoment #photo #mylife #ehniente
"La veste riccamente guarnita della vecchia zia si adattò perfettamente alla snella persona di Sylvie, che mi pregò di allacciargliela. 《Ha le maniche lisce; com'è ridicolo!》disse.  GÉRARD DE NERVAL.

#lettura #riposo #venerdi #libro #bestseller #lasolitudinedeinumeriprimi #amore #mattinate #nuovavita #life #reading
😔❤
😔❤
Uno dei miei libri preferiti!
Alice è una bambina obbligata dal padre a frequentare la scuola di sci. È una mattina di nebbia fitta, lei non ha voglia, il latte della colazione le pesa sullo stomaco. Persa nella nebbia, staccata dai compagni, se la fa addosso. Umiliata, cerca di scendere, ma finisce fuori pista spezzandosi una gamba. Resta sola, incapace di muoversi, al fondo di un canale innevato, a domandarsi se i lupi ci sono anche in inverno. Mattia è un bambino molto intelligente, ma ha una gemella, Michela, ritardata. La presenza di Michela umilia Mattia di fronte ai suoi coetanei e per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia abbandona Michela nel parco, con la promessa che tornerà presto da lei. Questi due episodi iniziali, con le loro conseguenze irreversibili, saranno il marchio impresso a fuoco nelle vite di Alice e Mattia, adolescenti, giovani e infine adulti. Le loro esistenze si incroceranno, e si scopriranno strettamente uniti, eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano "primi gemelli": due numeri primi vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero. Un romanzo d'esordio che alterna momenti di durezza e spietata tensione a scene rarefatte e di trattenuta emozione, di sconsolata tenerezza e di tenace speranza.
#lasolitudinedeinumeriprimi #paologiordano
Uno dei miei libri preferiti! Alice è una bambina obbligata dal padre a frequentare la scuola di sci. È una mattina di nebbia fitta, lei non ha voglia, il latte della colazione le pesa sullo stomaco. Persa nella nebbia, staccata dai compagni, se la fa addosso. Umiliata, cerca di scendere, ma finisce fuori pista spezzandosi una gamba. Resta sola, incapace di muoversi, al fondo di un canale innevato, a domandarsi se i lupi ci sono anche in inverno. Mattia è un bambino molto intelligente, ma ha una gemella, Michela, ritardata. La presenza di Michela umilia Mattia di fronte ai suoi coetanei e per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia abbandona Michela nel parco, con la promessa che tornerà presto da lei. Questi due episodi iniziali, con le loro conseguenze irreversibili, saranno il marchio impresso a fuoco nelle vite di Alice e Mattia, adolescenti, giovani e infine adulti. Le loro esistenze si incroceranno, e si scopriranno strettamente uniti, eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano "primi gemelli": due numeri primi vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero. Un romanzo d'esordio che alterna momenti di durezza e spietata tensione a scene rarefatte e di trattenuta emozione, di sconsolata tenerezza e di tenace speranza. #lasolitudinedeinumeriprimi  #paologiordano 
«Gli altri invitati erano sparpagliati a gruppetti nel soggiorno. La maggior parte dei maschi faceva ondeggiare la testa avanti e indietro a tempo, mentre le ragazze vagavano con lo sguardo per la stanza. Alcuni di loro tenevano in mano un bicchiere. In sei o sette ballavano sulle note di "A question of time". Mattia si domandò come facessero a sentirsi a loro agio, ad agitarsi in quel modo sotto gli occhi di tutti. Poi pensò che era la cosa più naturale del mondo e che proprio per questo lui non ne era capace» Paolo Giordano, La solitudine dei numeri primi / @ilpaologiordano /
«Gli altri invitati erano sparpagliati a gruppetti nel soggiorno. La maggior parte dei maschi faceva ondeggiare la testa avanti e indietro a tempo, mentre le ragazze vagavano con lo sguardo per la stanza. Alcuni di loro tenevano in mano un bicchiere. In sei o sette ballavano sulle note di "A question of time". Mattia si domandò come facessero a sentirsi a loro agio, ad agitarsi in quel modo sotto gli occhi di tutti. Poi pensò che era la cosa più naturale del mondo e che proprio per questo lui non ne era capace» Paolo Giordano, La solitudine dei numeri primi / @ilpaologiordano /
"I numeri primi sono divisibili soltanto per 1 e per se stessi. Se ne stanno al loro posto nell’infinita serie dei numeri naturali, schiacciati come tutti fra due, ma un passo in là rispetto agli altri. Sono numeri sospettosi e solitari e per questo Mattia li trovava meravigliosi."
La solitudine dei numeri primi, romanzo d'esordio di Paolo Giordano e vincitore del premio Strega 2008 e premio Campiello Opera Prima, è stata la mia ultima lettura.
A tratti devastante e imponente, a tratti piena di speranza e voglia di riscatto.
I protagonisti sono Alice e Mattia, considerati da tutti i "diversi", gli emarginati. Uno affetto da problemi psicologici e l'altra da patologie fisiche, ma entrambi tormentati da un passato che nel corso della lettura li porterà quasi sempre più all'autodistruzione personale.
La solitudine dei numeri primi mostra davvero l'altra faccia della medaglia che è la vita.
Quella fatta di sofferenze, di un'apnea continua, di insoddisfazione ma anche di speranza, un filo che si riesce sporadicamente a percepire. Peccato solo che il lieto fine non sia riservato a chiunque.
Il romanzo è diviso in 7 capitoli principali e in ogni paragrafo si alternano a parlare Alice e Mattia, facendoci così scoprire i più reconditi segreti delle loro anime ormai in pezzi.
Personalmente l'ho trovata una lettura coinvolgente, non riuscivo ad alzare gli occhi dal libro perché sentivo il bisogno di scendere sempre più in profondità e cercare di capire l'oscurità della solitudine e del male di vivere che trasuda quasi ogni pagina.
Fino alla fine ci ho creduto, pensavo che qualcosa sarebbe cambiato davvero e immagino che sia questo il motivo per cui il finale dell'opera mi ha lasciato un enorme vuoto dentro.
Un po' come fa la vita a volte, no?
-
-
-

#lasolitudinedeinumeriprimi #paologiordano #review #bookmark #bookstagram #bookworm #book #bookish #books #booknerd #booklover #bibliophile #bookaddict #bookaholic #booklove #bookphotography #reading #bookshelf #bookstagrammer #booksofinstagram #bookporn #instabook #bookblogger #read #igreads #bookstore #bookstagramfeature #bookclub #reader #instabooks
"I numeri primi sono divisibili soltanto per 1 e per se stessi. Se ne stanno al loro posto nell’infinita serie dei numeri naturali, schiacciati come tutti fra due, ma un passo in là rispetto agli altri. Sono numeri sospettosi e solitari e per questo Mattia li trovava meravigliosi." La solitudine dei numeri primi, romanzo d'esordio di Paolo Giordano e vincitore del premio Strega 2008 e premio Campiello Opera Prima, è stata la mia ultima lettura. A tratti devastante e imponente, a tratti piena di speranza e voglia di riscatto. I protagonisti sono Alice e Mattia, considerati da tutti i "diversi", gli emarginati. Uno affetto da problemi psicologici e l'altra da patologie fisiche, ma entrambi tormentati da un passato che nel corso della lettura li porterà quasi sempre più all'autodistruzione personale. La solitudine dei numeri primi mostra davvero l'altra faccia della medaglia che è la vita. Quella fatta di sofferenze, di un'apnea continua, di insoddisfazione ma anche di speranza, un filo che si riesce sporadicamente a percepire. Peccato solo che il lieto fine non sia riservato a chiunque. Il romanzo è diviso in 7 capitoli principali e in ogni paragrafo si alternano a parlare Alice e Mattia, facendoci così scoprire i più reconditi segreti delle loro anime ormai in pezzi. Personalmente l'ho trovata una lettura coinvolgente, non riuscivo ad alzare gli occhi dal libro perché sentivo il bisogno di scendere sempre più in profondità e cercare di capire l'oscurità della solitudine e del male di vivere che trasuda quasi ogni pagina. Fino alla fine ci ho creduto, pensavo che qualcosa sarebbe cambiato davvero e immagino che sia questo il motivo per cui il finale dell'opera mi ha lasciato un enorme vuoto dentro. Un po' come fa la vita a volte, no? - - - #lasolitudinedeinumeriprimi  #paologiordano  #review  #bookmark  #bookstagram  #bookworm  #book  #bookish  #books  #booknerd  #booklover  #bibliophile  #bookaddict  #bookaholic  #booklove  #bookphotography  #reading  #bookshelf  #bookstagrammer  #booksofinstagram  #bookporn  #instabook  #bookblogger  #read  #igreads  #bookstore  #bookstagramfeature  #bookclub  #reader  #instabooks 
Certi giorni ti senti nuovamente un #guerrierosolitario... Echi di un antico dolore si risvegliano ed è in quei momenti che devi essere tu il #sole che ti scalda. Riconoscere a te stesso cosa sei stato e sei ancora capace di fare. Non aspettare che sia il resto del mondo a farlo al tuo posto.
È forse questa la prova più dura da superare. Riconoscere in te la #Luce che ti viene molto più facile apprezzare negli altri.

#beyourlight #treasurehiswords #bebrave #lasolitudinedeinumeriprimi
Certi giorni ti senti nuovamente un #guerrierosolitario ... Echi di un antico dolore si risvegliano ed è in quei momenti che devi essere tu il #sole  che ti scalda. Riconoscere a te stesso cosa sei stato e sei ancora capace di fare. Non aspettare che sia il resto del mondo a farlo al tuo posto. È forse questa la prova più dura da superare. Riconoscere in te la #Luce  che ti viene molto più facile apprezzare negli altri. #beyourlight  #treasurehiswords  #bebrave  #lasolitudinedeinumeriprimi 
La riga a lato divide la testa in due emisferi non simmetrici, perché si sa, si tende quasi sempre ad un lato. Che poi... sarà quello giusto? Boh.
#testa #testona #lasolitudinedeinumeriprimi
Vi piacerebbe se durante la nostra serata leggessimo anche un passo di #Lasolitudinedeinumeriprimi di #PaoloGiordano? Continuate a seguirci per scoprire come suggerire #titoli di #libri o singole #frasi da abbinare alle canzoni che con @iltrilloparlante stiamo preparando per "Viaggi di carta e note"! #viaggidicarta #enote #ViaggiDiCartaENote #tnsasseinfo
Surpriseee😱😱.. eccellente soprattutto alla guida perché sempre pronta a litigare e a sgasare😂😂😂..il resto aimé tutto vero🤦🤦😋😋!!!! #donne #eccelenza #singletudine #single #stranomavero #lasolitudinedeinumeriprimi #picoftheday #instagram #laveritafamale #thetruthhurts #guidaspericolata
• In un corso del primo anno Mattia aveva studiato che tra i #numeriprimi ce ne sono alcuni ancora più speciali. I matematici li chiamano #primigemelli: sono coppie di numeri primi che se ne stanno vicini, anzi quasi vicini, perché fra di loro vi è sempre un numero pari che gli impedisce di toccarsi per davvero. Numeri come l'11 e il 13, come il 17 e il 19, il 41 e il 43. Se si ha la pazienza di andare avanti a contare, si scopre che queste coppie via via si diradano. Ci si imbatte in numeri primi sempre più isolati, smarriti in quello spazio silenzioso e cadenzato fatto solo di cifre e si avverte il presentimento angosciante che le coppie incontrate fino a lì fossero un fatto accidentale, che il vero destino sia quello di rimanere soli. Poi, proprio quando ci si sta per arrendere, quando non si ha più voglia di contare, ecco che ci si imbatte in altri due gemelli, avvinghiati stretti l'uno all'altro. Tra i matematici è convinzione comune che per quanto si possa andare avanti, ve ne saranno sempre altri due, anche se nessuno può dire dove, finché non li si scopre. Mattia pensava che lui e Alice erano così, due primi gemelli, soli e perduti, vicini ma non abbastanza per sfiorarsi davvero •

#lasolitudinedeinumeriprimi #paologiordano #numeriprimi #gemelli #quote #alone #waiting #light #shadow #nature #naturelovers #bench #panchina #park #trees #spring #sunnyday #landscape #turin #photo
• In un corso del primo anno Mattia aveva studiato che tra i #numeriprimi Â ce ne sono alcuni ancora più speciali. I matematici li chiamano #primigemelli : sono coppie di numeri primi che se ne stanno vicini, anzi quasi vicini, perché fra di loro vi è sempre un numero pari che gli impedisce di toccarsi per davvero. Numeri come l'11 e il 13, come il 17 e il 19, il 41 e il 43. Se si ha la pazienza di andare avanti a contare, si scopre che queste coppie via via si diradano. Ci si imbatte in numeri primi sempre più isolati, smarriti in quello spazio silenzioso e cadenzato fatto solo di cifre e si avverte il presentimento angosciante che le coppie incontrate fino a lì fossero un fatto accidentale, che il vero destino sia quello di rimanere soli. Poi, proprio quando ci si sta per arrendere, quando non si ha più voglia di contare, ecco che ci si imbatte in altri due gemelli, avvinghiati stretti l'uno all'altro. Tra i matematici è convinzione comune che per quanto si possa andare avanti, ve ne saranno sempre altri due, anche se nessuno può dire dove, finché non li si scopre. Mattia pensava che lui e Alice erano così, due primi gemelli, soli e perduti, vicini ma non abbastanza per sfiorarsi davvero • #lasolitudinedeinumeriprimi  #paologiordano  #numeriprimi  #gemelli  #quote  #alone  #waiting  #light  #shadow  #nature  #naturelovers  #bench  #panchina  #park  #trees  #spring  #sunnyday  #landscape  #turin  #photo 
“Gli approcci sono tutti uguali, come le aperture negli scacchi. Non bisogna inventarsi niente, non serve, perché tanto si è in due a cercare la stessa cosa. Poi il gioco trova da sé la sua strada ed è solo a quel punto che ci va la strategia.” #giochiamo #cavalloinh3 #chess #ceckmate #hypnosis #calmapiatta #lasolitudinedeinumeriprimi #livorno #terrazzamascagni #sea #waves #sky #noclouds #horizon #contrast #bnw #bnwphotography #biancoenero #nature #view #beauty #whatisee #love #serendipity #ig_livorno_ #tuscany #tuscanygram #nature_lovers #good
“Gli approcci sono tutti uguali, come le aperture negli scacchi. Non bisogna inventarsi niente, non serve, perché tanto si è in due a cercare la stessa cosa. Poi il gioco trova da sé la sua strada ed è solo a quel punto che ci va la strategia.” #giochiamo  #cavalloinh3  #chess  #ceckmate  #hypnosis  #calmapiatta  #lasolitudinedeinumeriprimi  #livorno  #terrazzamascagni  #sea  #waves  #sky  #noclouds  #horizon  #contrast  #bnw  #bnwphotography  #biancoenero  #nature  #view  #beauty  #whatisee  #love  #serendipity  #ig_livorno_  #tuscany  #tuscanygram  #nature_lovers  #good 
Pensò a quel silenzio perfetto. Anche adesso, come allora, nessuno sapeva dove lei si trovasse. Anche questa volta non sarebbe arrivato nessuno. Ma lei non stava più aspettando. Sorrise verso il cielo terso.

#lasolitudinedeinumeriprimi #paologiordano #silence #tempesta #stormysky #mareggiata #clouds #temporale #home #mediterraneansea #sea  #italy #loveil #mare #vsconature #vscostyle #castellanetamarina #papera #lovehim #laquiete #lover
Qualsiasi progresso ha bisogno di attese e sacrifici .. Ma ogni granello di sabbia che aggiungerai contribuirà a costruire il tuo castello .. #lasolitudinedeinumeriprimi
Qualsiasi progresso ha bisogno di attese e sacrifici .. Ma ogni granello di sabbia che aggiungerai contribuirà a costruire il tuo castello .. #lasolitudinedeinumeriprimi 
Nella solitudine il solitario divora se stesso. 
Nella moltitudine lo divorano gli altri.

Ora scegli.

#nietzsche #lasolitudinedeinumeriprimi 
#sundaymood
I numeri primi sono divisibili soltanto per 1 e per se stessi. 
Se ne stanno al loro posto nell’infinita serie dei numeri naturali, schiacciati come tutti fra due, ma un passo più in là rispetto agli altri. 
Sono numeri sospettosi e solitari e per questo Mattia li trovava meravigliosi. 
Certe volte pensava che in quella sequenza ci fossero finiti per sbaglio, che vi fossero rimasti intrappolati come perline infilate in una collana. 
Altre volte invece, sospettava che anche a loro sarebbe piaciuto essere come tutti, solo dei numeri qualunque, ma che per qualche motivo non ne fossero capaci. 
Il secondo pensiero lo sfiorava soprattutto di sera, nell’intrecciarsi caotico di immagini che precede il sonno, quando la mente è troppo debole per raccontarsi delle bugie. 
In un corso del primo anno Mattia aveva studiato che tra i numeri primi ce ne sono alcuni ancora più speciali. 
I matematici li chiamarono “primi gemelli”: sono coppie di numeri primi che se ne stanno vicini, anzi quasi vicini, perché fra di loro vi è sempre un numero pari che gli impedisce di toccarsi per davvero. 
Numeri come l’11 e il 13, come il 17 e il 19, il 41 e il 43. 
Se si ha la pazienza di andare avanti a contare, si scopre che queste coppie via via si diradano. 
Ci si imbatte in numeri primi sempre più isolati, smarriti in quello spazio silenzioso e cadenzato fatto solo di cifre e si avverte il presentimento angosciante che le coppie incontrate fino a lì fossero un fatto accidentale, che il vero destino sia quello di rimanere soli. 
Poi, proprio quando ci si sta per arrendere, quando non si ha più voglia di contare, ecco che ci si imbatte in altri due gemelli, avvinghiati stretti l’uno all’altro. 
Tra i matematici è convinzione comune che per quanto si possa andare avanti, ve ne saranno sempre altri due, anche se nessuno può dire dove, finché non li si scopre. (...)
🌺#lasolitudinedeinumeriprimi #booklover #book #foodforbrain #bookquotes #bookphotography #numeriprimi #reading #readingtime
I numeri primi sono divisibili soltanto per 1 e per se stessi. Se ne stanno al loro posto nell’infinita serie dei numeri naturali, schiacciati come tutti fra due, ma un passo più in là rispetto agli altri. Sono numeri sospettosi e solitari e per questo Mattia li trovava meravigliosi. Certe volte pensava che in quella sequenza ci fossero finiti per sbaglio, che vi fossero rimasti intrappolati come perline infilate in una collana. Altre volte invece, sospettava che anche a loro sarebbe piaciuto essere come tutti, solo dei numeri qualunque, ma che per qualche motivo non ne fossero capaci. Il secondo pensiero lo sfiorava soprattutto di sera, nell’intrecciarsi caotico di immagini che precede il sonno, quando la mente è troppo debole per raccontarsi delle bugie. In un corso del primo anno Mattia aveva studiato che tra i numeri primi ce ne sono alcuni ancora più speciali. I matematici li chiamarono “primi gemelli”: sono coppie di numeri primi che se ne stanno vicini, anzi quasi vicini, perché fra di loro vi è sempre un numero pari che gli impedisce di toccarsi per davvero. Numeri come l’11 e il 13, come il 17 e il 19, il 41 e il 43. Se si ha la pazienza di andare avanti a contare, si scopre che queste coppie via via si diradano. Ci si imbatte in numeri primi sempre più isolati, smarriti in quello spazio silenzioso e cadenzato fatto solo di cifre e si avverte il presentimento angosciante che le coppie incontrate fino a lì fossero un fatto accidentale, che il vero destino sia quello di rimanere soli. Poi, proprio quando ci si sta per arrendere, quando non si ha più voglia di contare, ecco che ci si imbatte in altri due gemelli, avvinghiati stretti l’uno all’altro. Tra i matematici è convinzione comune che per quanto si possa andare avanti, ve ne saranno sempre altri due, anche se nessuno può dire dove, finché non li si scopre. (...) 🌺#lasolitudinedeinumeriprimi  #booklover  #book  #foodforbrain  #bookquotes  #bookphotography  #numeriprimi  #reading  #readingtime