an online Instagram web viewer

#WeAreFerrari medias

Photos

🔴 Inevitabile la domanda sul prossimo compagno di Seb in rosso, con Leclerc, al suo fianco, spettatore interessato: "Non sono io a firmare i contratti, dovete chiedere a Maurizio - dice Seb -, ma perché no? Charles ha tanti anni davanti a sé e ha già sfruttato delle occasioni andando a punti con un'auto non eccelsa. Lewis? Non so cosa abbia fatto lui negli ultimi tempi, ma non ho veti su di lui. Però ho un eccellente rapporto con Kimi. Poi credo che Lewis abbia un rapporto privilegiato con la Mercedes, ma vediamo: magari accadrà un giorno..."
CON SEB ALLA 24 ORE — La replica di Hamilton non si fa attendere: "Io sono pronto a gareggiare con tutti perché mi piace gareggiare contro i migliori come Seb, Button e Alonso perché ti aiuta a crescere e arrivare al limite. Non so poi come sia la situazione per Kimi perché a volte ci sono state situazioni non facili, ma io non mi aspetto che con Vettel guideremo nella stessa squadra in futuro, a mano che non sia per Le Mans. Il mio rinnovo con la Mercedes? Non ho fretta, mi prendo il mio tempo, ma non sto prendendo in considerazione altre ipotesi"🔴 #FormulaOne #SebastianVettel #KimiRaikkonen #ScuderiaFerrari #MichaelSchumacher #RedSeason #PrancingHorse #Sf71h #ForzaFerrari #Racing #GillesVilleneuve #SV5 #KR7 #FerrariFans #WeAreFerrari #F12018 #2018 #follow4follow #FerrariF1 #F4f #EnzoFerrari #Seb5 #Kimi7 #instagram #Ferrari #MonacoGp #Montecarlo
🔴 Inevitabile la domanda sul prossimo compagno di Seb in rosso, con Leclerc, al suo fianco, spettatore interessato: "Non sono io a firmare i contratti, dovete chiedere a Maurizio - dice Seb -, ma perché no? Charles ha tanti anni davanti a sé e ha già sfruttato delle occasioni andando a punti con un'auto non eccelsa. Lewis? Non so cosa abbia fatto lui negli ultimi tempi, ma non ho veti su di lui. Però ho un eccellente rapporto con Kimi. Poi credo che Lewis abbia un rapporto privilegiato con la Mercedes, ma vediamo: magari accadrà un giorno..." CON SEB ALLA 24 ORE — La replica di Hamilton non si fa attendere: "Io sono pronto a gareggiare con tutti perché mi piace gareggiare contro i migliori come Seb, Button e Alonso perché ti aiuta a crescere e arrivare al limite. Non so poi come sia la situazione per Kimi perché a volte ci sono state situazioni non facili, ma io non mi aspetto che con Vettel guideremo nella stessa squadra in futuro, a mano che non sia per Le Mans. Il mio rinnovo con la Mercedes? Non ho fretta, mi prendo il mio tempo, ma non sto prendendo in considerazione altre ipotesi"🔴 #FormulaOne  #SebastianVettel  #KimiRaikkonen  #ScuderiaFerrari  #MichaelSchumacher  #RedSeason  #PrancingHorse  #Sf71h  #ForzaFerrari  #Racing  #GillesVilleneuve  #SV5  #KR7  #FerrariFans  #WeAreFerrari  #F12018  #2018  #follow4follow  #FerrariF1  #F4f  #EnzoFerrari  #Seb5  #Kimi7  #instagram  #Ferrari  #MonacoGp  #Montecarlo 
@scuderiaferrari and #monacogp is coming..🔴🔴🔴🇮🇹🇮🇹🏁🏁🇮🇩🇮🇩
.
-sim
.
#mercedesamgf1 #mercedes #redbull #ferrari #ricciardo #danielricciardo #memes #f1memes #verstappen #f1 #f12018 #tyres #kimiraikkonen #sebastianvettel #hamilton #valtteribottas #grandprix #gpspain #catalunya 
#seb5 #forzaferrari #kimi7 #weareferrari #monaco #fast #car #fight #racedayready
🔴 "Nelle ultime stagioni mi sono sempre sentito chiedere se restassi o meno; non dipende da me, ma dal team. Loro sanno esattamente cosa voglio. Non sarei in Formula 1, se non mi divertissi. Non devo dimostrare più niente. Il piacere di correre è l'unica cosa che mi trattiene in questo mondo, dal momento che farei volentieri a meno di tutto quello che vi ruota intorno, anche se è parte del gioco. Le emozioni e l'impegno che ci metto sono gli stessi di quando ho debuttato. Stare a Maranello, con quell'atmosfera, i colori e la passione, mi ha fatto capire fin dal primo giorno di essere in un team diverso da tutti gli altri."🔴 #WeAreFerrari #ScuderiaFerrari #KimiRaikkonen #SebastianVettel #F1
🔴 "Nelle ultime stagioni mi sono sempre sentito chiedere se restassi o meno; non dipende da me, ma dal team. Loro sanno esattamente cosa voglio. Non sarei in Formula 1, se non mi divertissi. Non devo dimostrare più niente. Il piacere di correre è l'unica cosa che mi trattiene in questo mondo, dal momento che farei volentieri a meno di tutto quello che vi ruota intorno, anche se è parte del gioco. Le emozioni e l'impegno che ci metto sono gli stessi di quando ho debuttato. Stare a Maranello, con quell'atmosfera, i colori e la passione, mi ha fatto capire fin dal primo giorno di essere in un team diverso da tutti gli altri."🔴 #WeAreFerrari  #ScuderiaFerrari  #KimiRaikkonen  #SebastianVettel  #F1 
🔴 “Gilles mi mancherà per due motivi. Primo: era il pilota più veloce della storia delle corse automobilistiche. Secondo: era l’uomo più genuino che abbia mai conosciuto. Ma lui non se n’è andato. La memoria di quello che ha fatto sarà sempre qui”.🔴 #F1#FormulaUno #FormulaOne #SebastianVettel #KimiRaikkonen #ScuderiaFerrari #MichaelSchumacher #RedSeason #PrancingHorse #Sf71h #ForzaFerrari #Racing #GillesVilleneuve #SV5 #KR7 #FerrariFans #WeAreFerrari #F12018 #2018 #follow4follow #FerrariF1 #F4f #EnzoFerrari #Seb5 #Kimi7 #instagram #Ferrari
🔴 “Gilles mi mancherà per due motivi. Primo: era il pilota più veloce della storia delle corse automobilistiche. Secondo: era l’uomo più genuino che abbia mai conosciuto. Ma lui non se n’è andato. La memoria di quello che ha fatto sarà sempre qui”.🔴 #F1 #FormulaUno  #FormulaOne  #SebastianVettel  #KimiRaikkonen  #ScuderiaFerrari  #MichaelSchumacher  #RedSeason  #PrancingHorse  #Sf71h  #ForzaFerrari  #Racing  #GillesVilleneuve  #SV5  #KR7  #FerrariFans  #WeAreFerrari  #F12018  #2018  #follow4follow  #FerrariF1  #F4f  #EnzoFerrari  #Seb5  #Kimi7  #instagram  #Ferrari 
🔴 Ad Enzo Ferrari ricordava Tazio Nuvolari. Il Canada, la sua nazione d’origine, gli ha dedicato il proprio Gran Premio di Formula 1. A differenza di Ayrton Senna, non ha lasciato mondiali vinti in eredità, ma come Ayrton, non verrà mai dimenticato per la sua grande forza di essere un pilota inarrivabile seppur così vicino alla gente, e in particolare per la sua incredibile capacità di farla sognare riuscendo in sfide impossibili. Di seguito vi raccontiamo qualche pillola sul Gilles Villeneuve fuori dai paddock e sulla sua mitica Ferrari 308.🔴 #F1#FormulaUno #FormulaOne #SebastianVettel #KimiRaikkonen #ScuderiaFerrari #MichaelSchumacher #RedSeason #PrancingHorse #Sf71h #ForzaFerrari #Racing #GillesVilleneuve #SV5 #KR7 #FerrariFans #WeAreFerrari #F12018 #2018 #follow4follow #FerrariF1 #F4f #EnzoFerrari #Seb5 #Kimi7 #instagram #Ferrari #RedHistory
🔴 Ad Enzo Ferrari ricordava Tazio Nuvolari. Il Canada, la sua nazione d’origine, gli ha dedicato il proprio Gran Premio di Formula 1. A differenza di Ayrton Senna, non ha lasciato mondiali vinti in eredità, ma come Ayrton, non verrà mai dimenticato per la sua grande forza di essere un pilota inarrivabile seppur così vicino alla gente, e in particolare per la sua incredibile capacità di farla sognare riuscendo in sfide impossibili. Di seguito vi raccontiamo qualche pillola sul Gilles Villeneuve fuori dai paddock e sulla sua mitica Ferrari 308.🔴 #F1 #FormulaUno  #FormulaOne  #SebastianVettel  #KimiRaikkonen  #ScuderiaFerrari  #MichaelSchumacher  #RedSeason  #PrancingHorse  #Sf71h  #ForzaFerrari  #Racing  #GillesVilleneuve  #SV5  #KR7  #FerrariFans  #WeAreFerrari  #F12018  #2018  #follow4follow  #FerrariF1  #F4f  #EnzoFerrari  #Seb5  #Kimi7  #instagram  #Ferrari  #RedHistory 
🔴 Jacky prese carta e penna e scrisse a Nina Rindt, vedova di Jochen, queste parole: “Per me non sarebbe stato corretto vincere il Titolo in questa maniera. Jochen ha meritato molto più di me questo Titolo perché è stato il miglior pilota di tutti”. 🔴 #F1#FormulaUno #FormulaOne #SebastianVettel #KimiRaikkonen #ScuderiaFerrari #MichaelSchumacher #RedSeason #PrancingHorse #Sf71h #ForzaFerrari #Racing #GillesVilleneuve #SV5 #KR7 #FerrariFans #WeAreFerrari #F12018 #2018 #follow4follow #FerrariF1 #F4f #EnzoFerrari #Seb5 #Kimi7 #instagram #Ferrari #RedHistory
🔴 Jacky prese carta e penna e scrisse a Nina Rindt, vedova di Jochen, queste parole: “Per me non sarebbe stato corretto vincere il Titolo in questa maniera. Jochen ha meritato molto più di me questo Titolo perché è stato il miglior pilota di tutti”. 🔴 #F1 #FormulaUno  #FormulaOne  #SebastianVettel  #KimiRaikkonen  #ScuderiaFerrari  #MichaelSchumacher  #RedSeason  #PrancingHorse  #Sf71h  #ForzaFerrari  #Racing  #GillesVilleneuve  #SV5  #KR7  #FerrariFans  #WeAreFerrari  #F12018  #2018  #follow4follow  #FerrariF1  #F4f  #EnzoFerrari  #Seb5  #Kimi7  #instagram  #Ferrari  #RedHistory 
🔴 In casa Ferrari si ragiona per il futuro. Fermo restando che Sebastian Vettel è già un punto fermo nel team bisogna decidere ora chi lo affiancherà nella prossima stagione. L’opzione che nei giorni scorsi sembrava più valida era quella di Ricciardo. L’australiano ha rotto da tempo con la Red Bull, è in scadenza, è veloce, è simpatico e sta imparando anche l’italiano, insomma il profilo perfetto per Maranello. L’unico problema in casa Ferrari resta proprio Vettel. Come sappiamo, infatti, il tedesco ai tempi Red Bull non aveva un bel rapporto con Ricciardo. Il driver di Maranello non gradirebbe condividere il box con un pilota così veloce, che potrebbe insidiare la sua leadership all’interno del team.🔴 #WeAreFerrari #KimiRaikkonen #SebastianVettel #ScuderiaFerrari
🔴 In casa Ferrari si ragiona per il futuro. Fermo restando che Sebastian Vettel è già un punto fermo nel team bisogna decidere ora chi lo affiancherà nella prossima stagione. L’opzione che nei giorni scorsi sembrava più valida era quella di Ricciardo. L’australiano ha rotto da tempo con la Red Bull, è in scadenza, è veloce, è simpatico e sta imparando anche l’italiano, insomma il profilo perfetto per Maranello. L’unico problema in casa Ferrari resta proprio Vettel. Come sappiamo, infatti, il tedesco ai tempi Red Bull non aveva un bel rapporto con Ricciardo. Il driver di Maranello non gradirebbe condividere il box con un pilota così veloce, che potrebbe insidiare la sua leadership all’interno del team.🔴 #WeAreFerrari  #KimiRaikkonen  #SebastianVettel  #ScuderiaFerrari 
🔴 Chiudendo al decimo posto il GP di Barcellona, Charles Leclerc ha conquistato un altro punto mondiale, dopo che a Baku aveva ottenuto i primi dieci punti della sua carriera in Formula Uno. Un risultato molto positivo ed importante per il pilota monegasco, dopo due prove in cui era risultato in difficoltà a gestire la nuova Sauber-Alfa Romeo C37, finendo alle spalle del compagno di squadra Marcus Ericsson, che a Sakhir aveva portato a casa i primi 2 punti stagionali per il team elvetico finendo in nona posizione. Durante i weekend azero e spagnolo, abbiamo rivisto il Charles Leclerc determinato e veloce che ha dominato la GP3 e la F2 negli anni passati. Dopo aver artigliato la Q2 in qualifica con il quattordicesimo tempo, nel corso del primo giro Charles è stato bravo ad evitare la carambola innescata da Grosjean e a passare sotto il traguardo al nono posto. Ha poi gestito alla perfezione le gomme soft e medie, con il pit stop efettuato al giro 20, e solo nel finale ha dovuto cedere la posizione al beniamino di casa Alonso. “La gomma anteriore sinistra era distrutta, avevo tanto blistering e graining, ma è stato bello lottare con Fernando”, ha dichiarato nel dopo gara il giovane monegasco.

Il team principal della Sauber Frederic Vasseur ha commentato in un’intevista a un settimanale francese: “Nessuna sorpresa per le prestazioni di Charles Leclerc, ha mostrato il proprio talento, d’ora in poi vedremo un altro pilota.” E’ stato proprio il talento naturale del monegasco a convincere la Ferrari, a fine 2016 e dopo la conquista del campionato GP3, ad includerlo nel programma giovani della Ferrari Driver Academy. La successiva sponsorizzazione a marchio Alfa della Sauber gli ha aperto le porte della Formula Uno, dopo una stagione trionfale in F2, e ora in molti lo vogliono vedere già dall’ anno prossimo sulla Rossa di Maranello.🔴 #WeAreFerrari #CharlesLeclerc #ScuderiaFerrari
🔴 Chiudendo al decimo posto il GP di Barcellona, Charles Leclerc ha conquistato un altro punto mondiale, dopo che a Baku aveva ottenuto i primi dieci punti della sua carriera in Formula Uno. Un risultato molto positivo ed importante per il pilota monegasco, dopo due prove in cui era risultato in difficoltà a gestire la nuova Sauber-Alfa Romeo C37, finendo alle spalle del compagno di squadra Marcus Ericsson, che a Sakhir aveva portato a casa i primi 2 punti stagionali per il team elvetico finendo in nona posizione. Durante i weekend azero e spagnolo, abbiamo rivisto il Charles Leclerc determinato e veloce che ha dominato la GP3 e la F2 negli anni passati. Dopo aver artigliato la Q2 in qualifica con il quattordicesimo tempo, nel corso del primo giro Charles è stato bravo ad evitare la carambola innescata da Grosjean e a passare sotto il traguardo al nono posto. Ha poi gestito alla perfezione le gomme soft e medie, con il pit stop efettuato al giro 20, e solo nel finale ha dovuto cedere la posizione al beniamino di casa Alonso. “La gomma anteriore sinistra era distrutta, avevo tanto blistering e graining, ma è stato bello lottare con Fernando”, ha dichiarato nel dopo gara il giovane monegasco. Il team principal della Sauber Frederic Vasseur ha commentato in un’intevista a un settimanale francese: “Nessuna sorpresa per le prestazioni di Charles Leclerc, ha mostrato il proprio talento, d’ora in poi vedremo un altro pilota.” E’ stato proprio il talento naturale del monegasco a convincere la Ferrari, a fine 2016 e dopo la conquista del campionato GP3, ad includerlo nel programma giovani della Ferrari Driver Academy. La successiva sponsorizzazione a marchio Alfa della Sauber gli ha aperto le porte della Formula Uno, dopo una stagione trionfale in F2, e ora in molti lo vogliono vedere già dall’ anno prossimo sulla Rossa di Maranello.🔴 #WeAreFerrari  #CharlesLeclerc  #ScuderiaFerrari 
F1: GP storico a Monaco

Monaco si prepara al GP di Formula 1 in programma la prossima settimana. Nel weekend appena passato c'è stato il classico appuntamento con le vetture storiche. In pista tanti ex campioni con le monoposto che hanno fatto la storia: da Eddie Irvine a Mika Hakkinen passando per Riccardo Patrese. 
#F1#FormulaUno #FormulaOne #SebastianVettel #KimiRaikkonen #ScuderiaFerrari #MichaelSchumacher #RedSeason #PrancingHorse #Sf71h #ForzaFerrari #Racing #GillesVilleneuve #SV5 #KR7 #FerrariFans #WeAreFerrari #F12018 #2018 #follow4follow #FerrariF1 #F4f #EnzoFerrari #Seb5 #Kimi7 #instagram #Ferrari #EddieIrvine
F1: GP storico a Monaco Monaco si prepara al GP di Formula 1 in programma la prossima settimana. Nel weekend appena passato c'è stato il classico appuntamento con le vetture storiche. In pista tanti ex campioni con le monoposto che hanno fatto la storia: da Eddie Irvine a Mika Hakkinen passando per Riccardo Patrese. #F1 #FormulaUno  #FormulaOne  #SebastianVettel  #KimiRaikkonen  #ScuderiaFerrari  #MichaelSchumacher  #RedSeason  #PrancingHorse  #Sf71h  #ForzaFerrari  #Racing  #GillesVilleneuve  #SV5  #KR7  #FerrariFans  #WeAreFerrari  #F12018  #2018  #follow4follow  #FerrariF1  #F4f  #EnzoFerrari  #Seb5  #Kimi7  #instagram  #Ferrari  #EddieIrvine 
🔴 Maurice Trintignant🔴  Nato a Sainte-Cécile-les-Vignes il 30 ottobre 1917, Maurice iniziò a correre sin da giovane debuttando nelle corse nel 1938 al volante della Bugatti su cui aveva perso la vita il fratello Louis, scomparso in un incidente di gara durante le prove del Gran Premio di Piccardia nel 1933.Nel 1950 Trintignant iniziò a correre saltuariamente nel Campionato del Mondo di Formula 1 con l’Equipe Gordini senza però grande fortuna mentre colse alcune vittorie in altri Gran Premi non iridati. Il suo primo contatto con la Ferrari risale al 1952, quando disputò la 24 Ore di Le Mans con una 340 America dell’Ecurie Rosier, la stessa squadra che lo fece debuttare con la Rossa nel Mondiale di Formula 1, nel Gran Premio d’Argentina del 1954. Il quarto posto di quella gara attirò l’attenzione di Enzo Ferrari, che lo fece entrare nel novero dei piloti ufficiali. In Belgio e in Spagna il francese salì sul podio ma l’affermazione più bella di quell’anno fu il successo nella 24 Ore di Le Mans, dove condivise il volante di una 375 Plus con Mike Hawthorn. La gentilezza nel trattare le vetture fu sempre uno dei punti di forza e, probabilmente, fu la chiave che nel 1955 gli dette il primo ed unico successo con la Ferrari in Formula 1, conquistato però nel palcoscenico più prestigioso, quello di Monte Carlo. Quell’anno Trintignant e Giuseppe Farina ottennero un singolare primato, piazzandosi sia secondi che terzi nel Gran Premio d’Argentina, in virtù della regola che all’epoca permetteva la condivisione delle vetture fra piloti della stessa squadra. Nel 1956 corse con la Vanwall per poi disputare altri tre Gran Premi con la Ferrari nel 1957 prima di ritrovare nuovo slancio l’anno successivo, quando vinse di nuovo il Gran Premio di Monaco, stavolta al volante di una Cooper-Climax, e si piazzò terzo in Germania. Trintignant corse in Formula 1 e nella 24 Ore di Le Mans fino a metà degli anni Sessanta, senza però raggiungere i risultati del decennio precedente.🔴 #WeAreFerrari #ScuderiaFerrari #RedHistory
🔴 Maurice Trintignant🔴 Nato a Sainte-Cécile-les-Vignes il 30 ottobre 1917, Maurice iniziò a correre sin da giovane debuttando nelle corse nel 1938 al volante della Bugatti su cui aveva perso la vita il fratello Louis, scomparso in un incidente di gara durante le prove del Gran Premio di Piccardia nel 1933.Nel 1950 Trintignant iniziò a correre saltuariamente nel Campionato del Mondo di Formula 1 con l’Equipe Gordini senza però grande fortuna mentre colse alcune vittorie in altri Gran Premi non iridati. Il suo primo contatto con la Ferrari risale al 1952, quando disputò la 24 Ore di Le Mans con una 340 America dell’Ecurie Rosier, la stessa squadra che lo fece debuttare con la Rossa nel Mondiale di Formula 1, nel Gran Premio d’Argentina del 1954. Il quarto posto di quella gara attirò l’attenzione di Enzo Ferrari, che lo fece entrare nel novero dei piloti ufficiali. In Belgio e in Spagna il francese salì sul podio ma l’affermazione più bella di quell’anno fu il successo nella 24 Ore di Le Mans, dove condivise il volante di una 375 Plus con Mike Hawthorn. La gentilezza nel trattare le vetture fu sempre uno dei punti di forza e, probabilmente, fu la chiave che nel 1955 gli dette il primo ed unico successo con la Ferrari in Formula 1, conquistato però nel palcoscenico più prestigioso, quello di Monte Carlo. Quell’anno Trintignant e Giuseppe Farina ottennero un singolare primato, piazzandosi sia secondi che terzi nel Gran Premio d’Argentina, in virtù della regola che all’epoca permetteva la condivisione delle vetture fra piloti della stessa squadra. Nel 1956 corse con la Vanwall per poi disputare altri tre Gran Premi con la Ferrari nel 1957 prima di ritrovare nuovo slancio l’anno successivo, quando vinse di nuovo il Gran Premio di Monaco, stavolta al volante di una Cooper-Climax, e si piazzò terzo in Germania. Trintignant corse in Formula 1 e nella 24 Ore di Le Mans fino a metà degli anni Sessanta, senza però raggiungere i risultati del decennio precedente.🔴 #WeAreFerrari  #ScuderiaFerrari  #RedHistory 
🔴 Luigi Musso entra a far parte della scuderia Ferrari nel 1956 ,guidando la Lancia D50 e conquista la vittoria nel Gran Premio di Argentina, condividendo la vettura con Juan Manuel Fangio, mentre è costretto al ritiro nelle restanti tre gare cui prende parte. Con una Ferrari 850  Monza ottiene il terzo posto assoluto nella Mille Miglia e partecipa alle 12 ore di Sebring in coppia con Harry Schell, terminando la gara al secondo posto assoluto.

Nel 1957 vince il Gran Premio di Reims per poi ottenere il secondo posto al Gran Premio di Modena. Conquista la 1000 km di Buenos Aires in coppia con l’amico Castellotti e Masten Gregory. In Formula Uno partecipa alla prima gara in Argentina con la vecchia Lancia D50 e viene costretto al ritiro. Le gare successive le corre con la Ferrari 801, ottenendo un secondo posto in Gran Bretagna e in Francia. Nel Gran Premio di Pescara viene costretto al ritiro, mentre nel Gran Premio d’Italia finisce la gara arrivando ottavo al traguardo. Finisce la stagione al terzo posto con sedici punti. L’anno si conclude alla grande per Musso, che a fine stagione ottiene anche il titolo di campione d’Italia. 🔴 #WeAreFerrari #ScuderiaFerrari #RedHistory
🔴 Luigi Musso entra a far parte della scuderia Ferrari nel 1956 ,guidando la Lancia D50 e conquista la vittoria nel Gran Premio di Argentina, condividendo la vettura con Juan Manuel Fangio, mentre è costretto al ritiro nelle restanti tre gare cui prende parte. Con una Ferrari 850  Monza ottiene il terzo posto assoluto nella Mille Miglia e partecipa alle 12 ore di Sebring in coppia con Harry Schell, terminando la gara al secondo posto assoluto. Nel 1957 vince il Gran Premio di Reims per poi ottenere il secondo posto al Gran Premio di Modena. Conquista la 1000 km di Buenos Aires in coppia con l’amico Castellotti e Masten Gregory. In Formula Uno partecipa alla prima gara in Argentina con la vecchia Lancia D50 e viene costretto al ritiro. Le gare successive le corre con la Ferrari 801, ottenendo un secondo posto in Gran Bretagna e in Francia. Nel Gran Premio di Pescara viene costretto al ritiro, mentre nel Gran Premio d’Italia finisce la gara arrivando ottavo al traguardo. Finisce la stagione al terzo posto con sedici punti. L’anno si conclude alla grande per Musso, che a fine stagione ottiene anche il titolo di campione d’Italia. 🔴 #WeAreFerrari  #ScuderiaFerrari  #RedHistory 
By @corrieredellosport 🔴 Maurizio Arrivabene: «Sotto molti aspetti, questo è stato un week end nel quale niente è andato per il verso giusto». RIVINCITA «Ora, con calma e in modo accurato, dovremo analizzare i motivi, tra loro diversi, che ci hanno impedito di esprimere il potenziale visto nelle altre gare. Poi ci prepareremo per il prossimo Gran Premio a Monaco, con professionalità, determinazione e fiducia». Sulla questione pneumatici ha aggiunto: «Noi siamo stati solo informati, ma non siamo stati consultati».🔴 #F1#FormulaUno #FormulaOne #SebastianVettel #KimiRaikkonen #ScuderiaFerrari #MichaelSchumacher #RedSeason #PrancingHorse #Sf71h #ForzaFerrari #Racing #GillesVilleneuve #SV5 #KR7 #FerrariFans #WeAreFerrari #F12018 #2018 #follow4follow #FerrariF1 #F4f #EnzoFerrari #Seb5 #Kimi7 #instagram #Ferrari
By @corrieredellosport 🔴 Maurizio Arrivabene: «Sotto molti aspetti, questo è stato un week end nel quale niente è andato per il verso giusto». RIVINCITA «Ora, con calma e in modo accurato, dovremo analizzare i motivi, tra loro diversi, che ci hanno impedito di esprimere il potenziale visto nelle altre gare. Poi ci prepareremo per il prossimo Gran Premio a Monaco, con professionalità, determinazione e fiducia». Sulla questione pneumatici ha aggiunto: «Noi siamo stati solo informati, ma non siamo stati consultati».🔴 #F1 #FormulaUno  #FormulaOne  #SebastianVettel  #KimiRaikkonen  #ScuderiaFerrari  #MichaelSchumacher  #RedSeason  #PrancingHorse  #Sf71h  #ForzaFerrari  #Racing  #GillesVilleneuve  #SV5  #KR7  #FerrariFans  #WeAreFerrari  #F12018  #2018  #follow4follow  #FerrariF1  #F4f  #EnzoFerrari  #Seb5  #Kimi7  #instagram  #Ferrari 
🔴 Vettel 🔴: "Le nostre gomme non duravano come gli altri e non potevamo fare la loro stessa strategia, abbiamo perso due posizioni e anche tempo al pit''. Sebastian Vettel spiega così la scelta del team Ferrari di fermarsi una volta in più, opzione che ha fatto perdere al pilota tedesco due posizioni. ''Avevamo problemi di bilanciamento - ammette Vettel - abbiamo faticato con le gomme. Forse il cambiamento ha avuto un impatto negativo su di noi maggiore rispetto agli altri''. ''Semplicemente - conclude Vettel - non avevamo il passo delle Mercedes. Hamilton era più veloce e qualcosa ci mancava. Dobbiamo migliorare." 🔴Raikkonen🔴: "l’idea era sicuramente quella di fare un solo pit. Non conosciamo ancora la natura del nostro problema. É il secondo ritiro dell’anno. Un vero peccato." #WeAreFerrari #Vettel #Raikkonen #ScuderiaFerrari #SpanishGp
🔴 Vettel 🔴: "Le nostre gomme non duravano come gli altri e non potevamo fare la loro stessa strategia, abbiamo perso due posizioni e anche tempo al pit''. Sebastian Vettel spiega così la scelta del team Ferrari di fermarsi una volta in più, opzione che ha fatto perdere al pilota tedesco due posizioni. ''Avevamo problemi di bilanciamento - ammette Vettel - abbiamo faticato con le gomme. Forse il cambiamento ha avuto un impatto negativo su di noi maggiore rispetto agli altri''. ''Semplicemente - conclude Vettel - non avevamo il passo delle Mercedes. Hamilton era più veloce e qualcosa ci mancava. Dobbiamo migliorare." 🔴Raikkonen🔴: "l’idea era sicuramente quella di fare un solo pit. Non conosciamo ancora la natura del nostro problema. É il secondo ritiro dell’anno. Un vero peccato." #WeAreFerrari  #Vettel  #Raikkonen  #ScuderiaFerrari  #SpanishGp